Archivio mensile:Maggio, 2021

Tour estonia. Laas centra il colpo finale. Lauk vince il tour

di Claudio Visci

Il 27 enne estone Martin Laas, della Bora- Hansgrohe si impone in solitaria conquistando la seconda tappa del Tour of Estonia con arrivo a Tartu. Al posto d’onore il polacco Adrian Banaszek(Mazowsze Serce) e il connazionale Matej Paterski(Voster ATS). L’altro estone Patrick Lauk(Estonia) si afferma nella classifica finale davanti a Laas e terzo il greco Tzortzakis.



Giro d’Italia. Strepitoso Damiano caruso all’Alpe di motta, bernal secondo

di Claudio Visci

Finale emozionante nella penultima tappa del Giro d’Italia, Verbania- Alpe di Motta, ottavo e ultimo arrivo in salita. Un immenso Damiano Caruso(Bahrain- Victorious) conquista in solitaria la vittoria, davanti a Egan Bernal(Ineos) padrone del Giro. Ultimo tappone in altura. Al G.PM. del Passo San Bernardino passa primo Vincenzo Albanese(Eolo- Kometa). Nella discesa dello Spluga si avvantaggiano Bardet, Caruso, con il compagno di squadra Pello Bilbao che raggiungono i fuggitivi di giornata. Sull’ultima ascesa da Campodolcino fino a Madesimo restano solo Caruso e Bardet. A 2 km dal traguardo, lo straordinario Caruso stacca il francese e conclude da trionfatore. Al posto d’onore giunge Bernal a 24″ secondi. Terzo posto per l’altro colombiano Martinez, grande gregario della Maglia Rosa. Nel finale cedono Yates e Almeida. Egan Bernal si appresta a vincere il Giro d’Italia. Domani domenica 30 maggio, ultima frazione con la cronometro da Senago a Milano di km 29,4.

Ordine d’arrivo:1. Caruso Damiano(Bahrain- Victorious) km 164 in 4.27’53”, media 36,732

2. Bernal Egan(Ineos Grenadiers) a 24″

3. Martinez Daniel(Ineos Grenadiers) a 35″

4. Bardet Romain(Team DSM)

5. Almeida João (Deceuninck Quick- Step) a 41″

6. Yates Simon(Team BikeExchange) a 51″

7. Vlasov Aleksandr(Astana- Premier Tech) a 1’13”

8. Carthy Hugh(EF Education- Nippo) a 1’29”

9. Fortunato Lorenzo(Eolo- Kometa) a 2’07”

10. Pedrero Antonio(Movistar) a 2’23”

Classifica generale:1. Bernal Egan(Ineos Grenadiers) in 85.41’47”

2. Caruso Damiano(Bahrain- Victorious) a 1’59”

3. Yates Simon(Team BikeExchange) a 3’23”

4. Vlasov Aleksandr(Astana- Premier Tech) a 7’07”

5. Bardet Romain(Team DSM) a 7’48”



Ultim’ora. Leggendario Caruso, bernal secondo vince il giro!



Al via il giro del delfinato

di Claudio Visci

Parte domani 30 maggio il Giro del Delfinato, in Francia. L’importante corsa a tappe, in otto giorni fino a domenica 6 giugno. Alla partenza 19 squadre World Tour, oltre a 2 formazioni Professional, ovvero Arkea- Samsic e B& B Hotels. Nel 2019 vinse il colombiano Daniel Martinez(Ineos) impegnato al Giro d’Italia. Tanti nomi importanti al via da Issoire, come Alexey Lutsenko(Astana), Wilco Kelderman(Bora- Hansgrohe), Kasper Asgreen(Deceuninck), David Gaudu(Groupama), Tao Hart Geoghegart, Richie Porte e Geraint Thomas(Ineos Grenadiers), Chris Froome(Israel), Alejandro Valverde e Enric Mas(Movistar), Nairo Quintana(Arkea- Samsic).

Ecco le tappe del Giro Delfinato 2021:

1° tappa= Issoire- Issoire di km 182

2° tappa= Brioude- Sauguese di km 173

3° tappa= Langeac- Saint- Haon- Le- Vieux di km 172,5

4° tappa= Firminy- Roche- La- Molière di km 16,4(Crono)

5° tappa= Saint- Chamond- Saint- Vallier di km 175,5

6° tappa= Loriol- Sur- Drome- Le- Sappey- En Chartreuse di km 168

7° tappa= Saint Martin- Le- Vinoux- La Plagne di km 171

8° tappa= La- Lechere- Les- Bains- Les Gets di km 147



Giro d’Italia. 20 tappa sabato 29 maggio: Verbania- Alpe di Motta km 164

di Claudio Visci

Ultimo tappone alpino e penultima tappa del Giro d’Italia. È l’ottavo arrivo in salita che deciderà sicuramente le sorti di questo Giro. Dopo il via da Verbania, T.V. a Cannobio, da Mesocco inizia la lunga ascesa fino al G.P.M. del Passo San Bernardino a quota 2.065 metri. Il secondo G.P.M. nella seconda salita al Passo Spluga a 2.115 metri. Discesa fino a Campodolcino, dove si sale per 9 km sino al traguardo di Valle Spluga- Alpe Motta a 1.727 metri, prima di Madesimo a 1.534 metri, sede di arrivi di tappa della Corsa Rosa. Sconfinamento in Svizzera.

Favoriti: Almeida, Yates.



Giro d’Italia. Storia e gastronomia

di Claudio Visci

Verbania, è una città situata sulla sponda occidentale del lago Maggiore, in Piemonte. Tra i monumenti storici più importanti, l’Oratorio di San Remigio, in stile romanico. La Chiesa di Madonna di Campagna, la Chiesa di San Leonardis, la Chiesa di Santa Lucia. Tanti palazzi, il più noti, il Palazzo Viani Dugnani e Villa San Remigio, in stile barocco napoletano. Tra i panorami più suggestivi l’arcipelago delle isole Borromeo, lo spettacolo delle tre isole, sulle sponde del lago Maggiore; Isola Madre, Isola Bella e, infine, Isola Superiore o dei Pescatori.

Tra i piatti prelibati, risotto al barolo, risotto al pesce persico, e tanti pesci di acqua dolce come la trota, l’anguilla, il lucioperca. I dolci tipici sono le margheritine di Stresa, biscotti prodotti in onore della Regina Margherita di Savoia, le intresine di Verbania. Da non perdere l’amaro Mottarone.

Valle Spluga(Valle Motta) è una località turistica nella valle Chiavenna, posta a quota 1.730 metri, elegante stazione sciistica ed escursionistica affacciata sulla Valle Spluga. A Motta  c’è anche il lago azzurro, incantevole laghetto alpino, mentre a Motta è ben visibile la statua della Madonna d’Europa.

In alto: Alpe di Motta, in Valle Spluga.



Tour estonia. Lauk conquista in solitaria la prima tappa

di Claudio Visci

L’estone Patrick Lauk si impone in solitudine nella prima tappa delle tre previste del Tour of Estonia partita dalla capitale Tallin e terminata a Tartu dopo 186 km. Il corridore di casa ha preceduto di 7″ secondi il polacco Marceli Boguslawski(Mazowsze Serce) e di 8″ il greco Polychronis  Tzortzakis(Kuwait Pro Cycling). Domani seconda frazione con partenza e arrivo a Tartu.

Ordine d’arrivo:1. Lauk Patrick(Estonia) km 186 in 4.07’36”, media 45,245

2. Boguslawski Marceli(Mazowsze Serce) a 7″

3. Tzortzakis Polychronis(Kuwait Pro Cycling) a 8″



Giro d’Italia. Trionfo di simon yates ad alpe di mera, bernal si difende

di Claudio Visci

Tappa spettacolare corsa ad una media altissima, la 19 frazione del Giro d’Italia da Abbiategrasso ad Alpe di Mera di 166 km. A 7 km dal traguardo del monte valsesiano attacco deciso di potenza del britannico Simon Yates(Team BikeExchange) che va a conquistare il quarto successo alla Corsa Rosa. Al secondo posto a 11″ secondi è giunto ancora João Almeida(Deceuninck), mentre terzo è arrivato la Maglia Rosa di Egan Bernal(Ineos) a 28″ secondi. Prima di Novara fuga animata da 6 corridori: Pasqualon e Hermans(Intermarche’- Wanty- Gobert), Warbasse(AG2R Citroën), Venchiarutti(Androni- Giocattoli), Mark(Eolo- Kometa) e Aleotti(Bora- Hansgrohe) che al G.P.M. a Gignese passano con 4 minuti di vantaggio sul gruppo. Passa per primo il britannico Mark. Si passa a Stresa in ricordo della tragedia della funivia del Mottarone. Sulla salita finale dopo Scopello i 6 fuggitivi vengono riassorbiti dal gruppetto dei migliori. Allungo di Almeida, poi ripreso da Yates che stacca tutti e vince per distacco. Egan Bernal mantiene il comando della rosa. Si difende Damiano Caruso e resta sempre secondo. Domani sabato 29 maggio, 20 frazione con partenza da Verbania e arrivo ad Alpe di Motta di km 176. Ultimo e ottavo arrivo in quota. Si decide il Giro d’Italia.

Ordine d’arrivo:1. Yates Simon(Team BikeExchange) km 166 in 4.02’55”, media 41,250

2. Almeida João (Deceuninck Quick- Step) a 11″

3. Bernal Egan(Ineos Grenadiers) a 28″

4. Caruso Damiano(Bahrain- Victorious) a 32″

5. Vlasov Aleksandr(Astana- Premier Tech)

6. Martin Daniel(Israel Start- Up Nation) a 42″

7. Martinez Daniel(Ineos Grenadiers) a 49″

13. Covi Alessandro(UAE Emirates) a 3’20”

23. Nibali Vincenzo(Yrek- Segafredo) a 5’14”

Classifica generale:1. Bernal Egan(Ineos Grenadiers) in 81.13’27”

2. Caruso Damiano(Bahrain- Victorious) a 2’29”

3. Yates Simon(Team BikeExchange) a 2’49”

4. Vlasov Aleksandr(Astana- Premier Tech) a 6’11”

5. Carthy Hugh(EF Education Nippo) a 7’10”



Ultim’ora. Assolo di Yates, bernal terzo, caruso sempre secondo



Giro d’Italia. 19 tappa venerdi 28 maggio: abbiategrasso- alpe di mera km 166

di Claudio Visci

Il penultimo arrivo in quota del Giro propone la scalata inedita di 9 km dell’Alpe di Mera, in Piemonte. Si parte da Abbiategrasso,  si attraversa Novara, Borgomanero, non si scalera’ il Mottarone in rispetto delle vittime della tragedia della funivia a Stresa. Al km 121 il primo T.V. ad Omegna, poi si sale al G.P.M. del Passo della Colma a quota 928 metri. L’altro T.V. a Scopetta, dove poco dopo a Scopello inizia l’ascesa di Alpe di Mera(Valsesia) a quota 1.531 metri. Dopo il cedimento di Bernal a Sega di Ala, Caruso e Yates dovranno attaccarlo. È una  sfida finale a tre.

Favoriti: Yates, Almeida, Bernal.